Salta la navigazione
ASST Bergamo Ovest

Unità Psichiatrica 14 di Ponte S. Pietro

« torna alla pagina di introduzione dell'Unità Psichiatrica 14


CETRADA

Centro per il trattamento dei Disturbi d'Ansia

Sede: Zogno - V.le Martiri della Libertà, 6
Tel. 0345/52011
Coordinatore Dott.ssa Daniela Leveni

 

 

Il Centro è costituito da clinici con una formazione specifica nel riconoscimento e nel trattamento dei Disturbi dAnsia. Questo gruppo di clinici è animato dalla convinzione che la pratica clinica debba tenere conto dei dati provenienti dalla ricerca e pertanto che debbano essere utilizzati i trattamenti la cui efficacia sia stata dimostrata attraverso rigorosi dati scientifici, secondo i criteri della Evidence Based Medicine (Medicina Basata sulle Prove di Efficacia).

 

Noi forniamo interventi terapeutici, sia di tipo farmacologico che di tipo psicoterapico, rivolti alle persone che soffrono di Disturbi dAnsia che inducono rilevanti disabilità, interferendo in modo significativo col funzionamento sociale, lavorativo e con la soddisfazione di vita.

Il nostro è un centro pubblico ed opera nellambito del Servizio Sanitario Nazionale.

Abbiamo inserito in queste pagine anche un capitolo Identificare e Trattare i Disturbi dAnsia, contenente informazioni tratte da indicazioni e linee guida dei più importanti organismi internazionali. Riteniamo che questa risorsa possa essere utile sia ai clinici che ai soggetti che soffrono di Disturbi dAnsia. Maggiori informazioni potranno essere reperite consultando le letture consigliate. Gran parte delle informazioni contenute in questo capitolo sono tratte dal sito del CRUFAD (Clinical Research Unit for Anxiety Disorders), centro che  collabora con lOrganizzazione Mondiale della Sanità e del quale il nostro centro adotta la metodologia di intervento.

Potrete inviare commenti, critiche e suggerimenti al seguente indirizzo: daniele.piacentini@tin.it  


 

PREMESSA

I Disturbi dAnsia sono molto diffusi; infatti circa il 12% della popolazione soffre di un disturbo dAnsia clinicamente significativo.

Contrariamente a quanti molti sembrano credere, gli studi effettuati hanno dimostrato che i danni - intesi come disabilità, costi diretti ed indiretti, riduzione della soddisfazione di vita e calcolati come Unità di Disabilità prodotti nella popolazione  dai Disturbi dAnsia,  sono assai superiori rispetto ai disturbi psichiatrici considerati maggiori come, per esempio, la schizofrenia.

I Disturbi dAnsia possono divenire cronici, se non precocemente diagnosticati e correttamente trattati.

Ci sono trattamenti di dimostrata efficacia per tutti i Disturbi dAnsia, ma nei paesi industrializzati solo ad un quarto di chi soffre di questi disturbi vengono prescritte terapie di provata efficacia.

Le conseguenze più frequenti di un Disturbo dAnsia non trattato o trattato in modo inadeguato sono:

  - Alti livelli di disabilità: scarsa autonomia, difficoltà lavorative e nelle relazioni interpersonali.

  - Elevati costi socio- sanitari: riduzione del rendimento scolastico o lavorativo, elevate spese sanitarie per visite, accertamenti medici e farmaci.

  - Bassa qualità di vita e di soddisfazione personale: rinunce, isolamento sociale, vita povera di stimoli e di soddisfazioni, intenso disagio.

  - Aumentata probabilità di sviluppare altri disturbi psichiatrici: frequente è linsorgenza di Depressione Maggiore, mentre i tassi di suicidio sono superiori a quelli della popolazione generale.

I trattamenti oggi disponibili per il trattamento dei Disturbi dAnsia  sono altamente efficaci e relativamente poco costosi. Il rapporto costo beneficio dei trattamenti è enormemente superiore rispetto a quello dei disturbi psicotici ed oltre l80% dei soggetti può risolvere in tutto od in modo comunque significativo i suoi problemi.

Una indagine condotta recentemente in Australia ha mostrato come la disabilità che i disturbi psichici comportano nella popolazione (pari a circa il 20% di quella indotta da tutte le malattie) sia dovuta per il 35% circa ai Disturbi dAnsia, per il 35 % ai Disturbi Depressivi e solo per il 7% alla  Schizofrenia.

Al contrario, i costi dei trattamenti adeguati - rapportati agli Anni di Vita con Disabilità guadagnati  (DALY-Disability Adjusted Life Years ) -, sono circa 15 volte inferiori nei Disturbi dAnsia rispetto alla Schizofrenia.

Per i motivi sopra esposti è nostra convinzione che sia eticamente doveroso fornire, anche a coloro che soffrono di un Disturbo dAnsia, ad alto rischio di cronicizzazione è grave - cioè tale da compromettere in modo significativo lautonomia, lefficienza e la soddisfazione di vita - la possibilità di accedere ai trattamenti  dimostratisi più efficaci secondo i criteri e le conoscenze scientifiche attuali.

Speriamo che queste pagine possano essere utili a clinici, pazienti e familiari per riconoscere più facilmente il disturbo e favorire il ricorso ai trattamenti efficaci disponibili.
  

OBIETTIVI

Fornire un inquadramento diagnostico secondo i criteri diagnostici standardizzati riconosciuti in campo internazionale, una valutazione della gravità del disturbo ed una consulenza specialistica.
Fornire trattamenti specifici, sia di tipo farmacologico che di tipo psicoterapico. Il centro utilizza le strategie terapeutiche risultate di maggiore efficacia in base ai criteri della Medicina Basata sulle Prove di Efficacia (Evidence Based Medicine).
Promuovere attività di ricerca e di diffusione delle conoscenze scientifiche relative ai Disturbi d'Ansia.
 

 

TERAPIA

I trattamenti disponibili per i Disturbi dAnsia sono altamente efficaci se effettuati in modo specifico e adeguato.

Sono disponibili sia trattamenti farmacologici che psicoterapici; questi trattamenti possono essere associati nei casi in cui risulti necessario.

I trattamenti psicoterapici proposti sono costituiti da terapie cognitivo-comportamentali. Le ricerche effettuate in tutto il mondo hanno dimostrato come la Terapia Cognitivo-Comportamentale sia altamente efficace nel trattamento dei Disturbi dAnsia e per questo motivo viene raccomandata come trattamento psicoterapico di prima scelta dalle linee guida di trattamento delle maggiori organizzazioni scientifiche mondiali.

I trattamenti proposti vengono effettuati in regime ambulatoriale. Alcuni trattamenti psicoterapici sono intensivi a tempo pieno e si svolgono nellarco di 3 settimane, mentre altri si svolgono con incontri a cadenza settimanale della durata di unora circa per un periodo tra i 2 ed i 6 mesi.

Alcuni programmi di trattamento vengono condotti in piccoli gruppi di pazienti (da 4 a 8 persone) che soffrono  dello stesso tipo di disturbo.

I trattamenti vengono preceduti da 2-3 colloqui diagnostici e di valutazione e sono seguiti da 1-2 incontri a distanza di tempo (generalmente dopo 1 e 3 mesi) per valutare landamento dei progressi.

  Che cosa è la terapia cognitivo-comportamentale?:

Sebbene i dettagli dei trattamenti varino per i differenti disturbi, un gran numero di caratteristiche è comune alla maggior parte dei programmi di trattamento. Le principali sono:

Educazione sulla natura dellansia e del panico e sulle loro cause

Tecniche per la gestione dei sintomi fisici dellansia e del panico  

Tecniche per la gestione dei pensieri ansiogeni (Ristrutturazione cognitiva)

Tecniche di Esposizione Graduale alle situazioni precedentemente evitate o fonte dansia

Per gli interventi psicoterapeutici gli operatori del nostro Centro seguono la metodologia utilizzata presso il CRUFAD (Clinical Research Unit for Anxiety Disorders) di Sydney, per la quale hanno avuto una specifica formazione.

La politica del Centro prevede che lefficacia degli interventi venga valutata, anche a distanza di tempo, attraverso strumenti obiettivi di valutazione, cioè questionari atti ad indagare landamento sintomatologico e la qualità di vita.  

 

Il Centro è costituito da psicologi e psichiatri specializzati nella valutazione e nel trattamento dei più diffusi Disturbi dAnsia dei soggetti adulti:

disturbo d'ansia generalizzata

fobia sociale

disturbo ossessivo-compulsivo

disturbo da attacco di panico

disturbo post traumatico da stress

 

 

SEDE
Ambulatorio Psico Sociale

Viale Martiri della Libertà 6

24019 Zogno (Bergamo)

Tel.: 0345 52011

Fax 0345 52030

email: cps.zogno@ospedale.treviglio.bg.it

 


RESPONSABILI


 dr Daniele Piacentini (psichiatra)
 

 dr.ssa Daniela Leveni (psicologa)

 


ALTRI CENTRI

Per facilitare la ricerca di un aiuto ai visitatori del sito che risiedono lontani dal nostro centro,   forniamo di seguito indirizzi e modalità di contatto di strutture e/o operatori, operanti nell'ambito del Servizio Pubblico, che offrono trattamenti specifici nel campo del trattamento dei Disturbi d'Ansia, in particolare per quanto riguarda la terapia cognitivo comportamentale.

L'elenco, tutt'altro che esaustivo, è stato creato contattando operatori (psicologi e/o psichiatri) che hanno partecipato al medesimo iter formativo, all'utilizzo delle tecniche di intervento adottate presso la Clinical Research Unit for Anxiety Disorders di Sydney, degli operatori che prestano servizio presso il nostro centro.

Centro per i Disturbi d'Ansia

c/o: Day Hospital Clinica Psichiatrica

Responsabile Dr. Fausto Mazzi

Policlinico di Modena.

Per appuntamenti telefonare al numero: 0594222364; dal lunedì al venerdì ore 7,30-13,00

Nucleo Operativo di Terapia Cognitivo-Comportamentale

Unità Operativa Psichiatrica - Azienda Ospedaliera "Luigi Sacco"

c/o Centro Psico Sociale

Via Aldini 72- Milano.

Responsabile Dr. Gabriele Catania

Per appuntamenti telefonare direttamente al Responsabile ai numeri 0233200672-0233200845 nei seguenti orari: Martedì ore 9,30-10,30 e Venerdì ore 9,00-10,00.  

Servizio di Psicologia Ospedaliera

Ospedale San Carlo Borromeo- via Pio II, 3- Milano.

Responsabile Dott. G. De Isabella

In collaborazione con Associazione Progetto Itaca.

Terapeuta di Riferimento: Dr.ssa  A. Curatolo.

Per appuntamenti telefonare al numero 02 40222832 nei seguenti orari: Mercoledì ore 10-13 e giovedì ore 14-17.  

Servizio per il Trattamento dei Disturbi d'Ansia

Unità Operativa Psichiatrica di Legnano (MI)

Referenti: Dr. Contini Agostino, Dr.ssa Vergani Lorena

Per appuntamenti telefonare al numero 0331 449232 dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 16,30.

 Università degli Studi de L'AQUILA- Clinica Psichiatrica -

Direttore Prof. Massimo Casacchia

c/o Day Hospital

Responsabile: Prof.ssa Rita Roncone

Altri terapeuti di riferimento: Dr.ssa Emanuela Di Giovambattista, Dr.ssa Alessia Di Pucchio, Dr.ssa Paola Di Fabio.

Per appuntamenti telefonare al numero 0862 368504 dalle ore 9,00 alle ore 14,00 (giorni feriali) - Fax: 0862 312104 - Email: rita.roncone@cc.univaq.it massimo.casacchia@cc.univaq.it 

Dipartimento Salute Mentale di GROSSETO

Per appuntamenti chiedere del Dr. Marco Lussetti telefonando al numero 0564 485569 dal Lunedì al Sabato dalle ore 8 alle ore 20.

 

SCEGLIERE UN TERAPEUTA

E' comune esperienza la difficoltà che le persone, e talvolta gli stessi clinici, trovano allorché devono ricercare o indicare un terapeuta che abbia una specifica esperienza e formazione per trattare in modo specifico il particolare disturbo mentale emerso.

Il campo delle conoscenze e delle terapie per i Disturbi mentali è diventato sempre più ampio, i trattamenti sempre più tecnologicamente raffinati e specifici, richiedendo ciascuno uno specifico training formativo, e non è più possibile pensare che qualsiasi operatore nell'ambito della salute mentale possa essere esperto in modo specifico in ogni patologia e tipo di intervento sia farmacologico sia psicoterapico che risulti indicato.

Oggigiorno molte figure professionali sono coinvolte nella definizione ed attuazione delle terapie nel campo della salute mentale: psichiatri, psicologi clinici, tecnici della riabilitazione, educatori, infermieri, assistenti sociali.

Solo i medici, in particolare gli psichiatri, possono prescrivere farmaci, perciò, quando è necessaria una terapia farmacologica, lo psicologo clinico o gli altri operatori devono lavorare collaborando con lo psichiatra.

Scegliere il professionista della salute mentale cui affidarsi è una parte critica dell'intero processo di trattamento.

Conseguentemente è importante che il consumatore ponga alcune domande al clinico che ha di fronte. Porre alcune delle seguenti domande può essere imbarazzante ma  le risposte sono necessarie perché il consumatore abbia una corretta e completa informazione, come è suo diritto ottenere, che lo aiuti a prendere una decisione:

1. Quale è il la sua formazione (specializzazione) e da quanto tempo esercita?

2. Quanti pazienti col mio disturbo ha trattato?

3. Ha una formazione specifica per il trattamento dei pazienti col mio disturbo?

4. Quale tipo di approccio, metodo, terapia utilizza per trattare questo disturbo? La psicoterapia avviene in gruppo o è individuale? La terapia farmacologica è necessaria?

5. La terapia proposta è stata dimostrata efficace in base a studi clinici controllati secondo i criteri della medicina basata sulle prove (Evidence Based Psychiatry)?

6. In base alla sua esperienza quanto tempo è necessario prima che il trattamento inizi a funzionare? In base alle ricerche ed alla sua esperienza quali sono le probabilità di successo di questo trattamento in questa patologia?

7. Se il trattamento prescritto non si rivelerà efficace quale sarà il passo successivo?

8. Quali sono i più frequenti effetti collaterali del trattamento proposto?

9. Quanto spesso dovrò venire e quanto durerà ogni sessione?

10. Quali costi dovrò sostenere?

 

PER UN COLLOQUIO DI VALUTAZIONE

 Gli appuntamenti possono essere presi telefonando direttamente nei giorni feriali dalle 9 alle 17 al numero 0345 52011, specificando il motivo della richiesta (Valutazione del Centro Disturbi dAnsia). 

 Il primo colloquio si svolgerà con lo psichiatra per una valutazione diagnostica e la definizione del programma terapeutico (farmacologico o psicoterapico), il successivo con lo psicologo o lo psichiatra secondo il tipo di trattamento individuato. 

 Per tutti i trattamenti psicoterapici è necessario essere alfabetizzati e non essere affetti da Ritardo Mentale. 

 A tutti i pazienti che assumono benzodiazepine o che stiano abusando di sostanze (per esempio alcool) sarà richiesto di sospenderle prima di iniziare il trattamento psicoterapico. 

 I trattamenti sono forniti nellambito del Servizio Sanitario Nazionale e pertanto, se dovuto, è previsto il solo pagamento del ticket secondo la normativa vigente.

 


  

PATOLOGIE TRATTATE DAL CENTRO

depressione
 disturbo d'ansia generalizzato
 fobia sociale
disturbo ossessivo compulsivo
 disturbo da attacchi di panico
 disturbo post traumatico da stress


 

LINKS

 

Esistere e crescere  - Sito indirizzato a chi vuole approfondire le tematiche di psicologia infantile. www.esistere-e-crescere.com


CRUFAD - Sito della Clinical Research Unit for Anxiety Disorders di Sydney di cui il nostro centro adotta la metodologia di intervento e con cui intrattiene rapporti di collaborazione. Il sito contiene in parti separate, per il clinico e per gli utenti, informazioni su tutti i disturbi dansia e la depressione, oltre ad indicazioni bibliografiche e sulle ricerche in corso ed informazioni su corsi di formazione per i clinici. Il sito è in lingua inglese e pertanto è utile a chi conosce tale lingua.
http://www.crufad.com


LIDAP - E il sito della Lega Italiana contro i Disturbi dAnsia, Agorafobia e gli Attacchi di Panico. Si tratta di una associazione gestita da persone comuni che hanno sofferto di Disturbi dAnsia, che promuove gruppi di auto aiuto sul territorio italiano.
http://www.lidap.org


OASIBLU - Sito no-profit gestito da chi ha sofferto di disagi psichici.
http://www.oasiblu.com


PSICONLINE.IT - Indirizzato sia a professionisti che utenti; cerca di favorire una maggiore e più corretta diffusione di informazioni in ambito psicologico.
http://www.psiconline.it 


100 LINKS AL MESE - Offre un archivio ricco di siti di interesse in campo psicologico.
http://100links.supereva.it/archivio/000619.html


Salute Mentale, Autoaiuto e Sviluppo personale - Ricco di informazioni e riferimenti bibliografici sia per professionisti che utenti.
http://www.ecomind.it


IDEA - E il sito dellIstituto per la Ricerca e la Prevenzione della Depressione e dellAnsia. Offre, fra laltro, informazioni su come ricevere sostegno e aiuto.
www.fondazioneidea.it


IPSICO - Sito dellIstituto di Psicologia Cognitivo-Comportamentale di Firenze. Contiene informazioni e servizi interessanti.
http://www.ipsico.org


SIPSOT - Sito della Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali.
http://www.sipsot.it  

 

PSYCHOINSIDE - Offre numerose informazioni sulle principali patologie psichiche.

http://www.psychoinside.it  

 

PSYCHIATRY ON LINE - Uno fra i primi siti psichiatrici italiani

http://www.pol-it.org 

 

PROGETTO ITACA - Progetto Itaca è un'associazione di volontari uniti dall'intento di attivare progetti di prevenzione, solidarietà ed assistenza nel campo della salute mentale.

http://www.progettoitaca.org   

 

Ops! - Obiettivo Psicologia - Web Community per studenti, laureandi e laureati in Psicologia e scienze affini in cui poter trovare risorse, servizi ed opportunità utili al proprio percorso universitario e professionale.

www.opsonline.it

 

STAI BENE.IT - Uno dei maggiori portali italiani dedicati alla salute.

www.staibene.it

 

La Medicina in Rete.it - Il portale nasce con lo scopo di permettere agli utenti un accesso rapido, intuitivo ed efficace ai migliori siti e portali italiani dedicati a salute, benessere e medicina.

www.lamedicinainrete.it 

 

TESTI per i TERAPEUTI   

G. Andrews, M. Creamer, R.Crino, C. Hunt, L.Lampe, A. Page. Trattamento dei Disturbi dAnsia - Guide per il clinico e manuali per chi soffre del disturbo. Edizione italiana a cura di: P. Morosini, A. Guidi, D. Leveni, M. Lussetti, D. Piacentini. Centro Scientifico Editore 2003. Prezzo 75 Euro

LOPERA
Questo libro descrive come  trattare i soggetti affetti da disturbi dansia cronici che, se curati bene con terapie specifiche, possono guarire.

Questa guarigione è oggi possibile grazie ai progressi fatti nel campo delle conoscenze sul trattamento dei disturbi dansia.

Questo volume è stato concepito per fornire a psichiatri e psicologi una conoscenza dettagliata delle informazioni sia teoriche che pratiche per condurre una efficace terapia cognitivo comportamentale relativamente ai principali disturbi dansia.

Per ogni disturbo gli autori prendono in esame i più recenti sviluppi nel campo della ricerca e del trattamento, ma il vero valore aggiunto di questopera è rappresentato dalla presenza per ciascun disturbo di una  specifica Guida per il clinico e di un Manuale per il Trattamento dei Pazienti.

Le Guide per il Clinico descrivono come deve essere strutturato un programma di trattamento, sulla base dei metodi e dei materiali utilizzati dagli autori, esse inoltre indicano al clinico come riconoscere e gestire le difficoltà che i pazienti incontrano nellaffrontare i vari aspetti del programma del trattamento.

I Manuali per il Trattamento dei Pazienti comprendono il materiale che guida, sessione dopo sessione, il clinico ed il paziente lungo il trattamento, permettendo a ciascun paziente di comprendere meglio e mettere in pratica le strategie della terapia cognitivo comportamentale.

I Manuali per il Trattamento dei Pazienti descrivono in termini pratici ed operativi le informazioni scientifiche derivanti dagli studi randomizzati controllati riassunte nei capitoli relativi al trattamento. Sebbene il contenuto di questi manuali si basi sui risultati delle ricerche, la loro  struttura, la sequenza con cui sono mostrate le tecniche, come viene spiegata ciascuna tecnica e come viene rinforzata tramite gli esercizi- è il risultato della  esperienza ventennale degli autori nel trattare  pazienti affetti da questi disturbi. Così questi manuali sono il risultato sia della scienza che dellesperienza.

I capitoli sulle sindromi ed il trattamento e le guide per il clinico saranno di grande utilità anche ai medici che stiano usando trattamenti farmacologici, perché essi possono incontrare le stesse difficoltà durante il trattamento dei pazienti e poiché i pazienti faranno sicuramente domande sui loro disturbi e si aspetteranno che i medici gli rispondano facendo riferimento a pubblicazioni aggiornate ed attendibili. 

Infine, le metodologie illustrate in questo volume sono state ampiamente sperimentate ed applicate anche in Italia e, nellappendice alledizione italiana, i clinici troveranno informazioni sulle esperienze ed i risultati ottenuti nel nostro paese. 

ALTRI TESTI PER TERAPEUTI

A. Roth, P. Fonagy (1997). Psicoterapie e prove di efficacia. Il Pensiero Scientifico Editore.

A. Wells (1999). Trattamento cognitivo dei disturbi dansia. Editore Mc Graw-Hill.

P. Nathan, J. Gorman (1998). A guide to treatment that works. Oxford University Press. 

Beck A.T. (1967). Depression:causes and treatment. Philadelphia: University of Pennsylvania Press.

Beck A.T., Rush A.J., Shaw, B.F., Emery G. (1987). Terapia cognitiva della depressione. Bollati Boringhieri.

Clark D.A., Beck A.T., Alford B.A. Teoria e terapia cognitiva della depressione. Masson Editore

Hawton K., Salkovskis P.M., Kirk J. an Clark D.M. (1989). Cognitive Behavioural treatment for Psychiatric Problems: A Practical Guide. Oxford University Press New York.

Klosko J.S., Sanderson W.C. (2001). Trattamento cognitivo comportamentale della depressione. Editore McGraw Hill.

Milgrom J., Martin P.R., Negri L.M. (2004). Depressione Post Natale. Edizioni Erickson. 

A.Rainone, F.Mancini. - Gli approcci cognitivi alla depressione - Angeli Editore (2004)

 
TESTI per UTENTI   

DEPRESSIONE:   

Morosini P., Piacentini D., Leveni D., McDonald G., Michielin P.(2004).  La Depressione, che cosa è e come superarla. Manuale di psicoterapia cognitivo-comportamentale per chi soffre di depressione, per chi è a rischio di soffrirne e per suoi familiari. Edizioni Avverbi.

Presentazione

Questo manuale si basa sulla psicoterapia cognitivo comportamentale, la più diffusa tra le psicoterapie di sicura efficacia nel trattamento della depressione. 

E scritto in un italiano il più possibile semplice e chiaro. I termini più specialistici sono resi con termini vicini al linguaggio comune, senza tradirne il senso e senza impoverirli.

Insegna a riconoscere e a contrastare le modalità di pensiero negative o disfunzionali, gli errori di ragionamento e le pretese disfunzionali che sono alla base della depressione. Aiuta a essere più attivi e a mantenere o a riprendere i rapporti sociali. 

Chi soffre di una forma lieve di depressione può avere dei benefici utilizzandolo come strumento di autoaiuto. La maggior parte delle persone avrà benefici maggiori se lo userà con la guida, lo stimolo, la supervisione di un terapeuta esperto in questa forma di psicoterapia.

Si può usare questo manuale mentre si prendono gli psicofarmaci, che sono indispensabili nei casi più gravi.

Vincere la depressione è difficile, ma è possibile. Non si è destinati ad essere vittime passive del proprio passato, delle circostanze e della propria  vulnerabilità biologica.

Decine di migliaia di persone nel mondo hanno utilizzato con successo lapproccio illustrato in questo manuale.

Anche per chi non soffre di depressione la lettura di questo manuale può essere utile, per diminuire il rischio di caderne vittima in futuro, ma anche per vivere in modo più costruttivo e sereno e per imparare a comunicare meglio con gli altri e ad aiutarli in modo più efficace.

AUTORI

Pierluigi Morosini- Epidemiologo, psichiatra. Responsabile del Reparto di Salute Mentale, Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute, Istituto Superiore di Sanità, Roma

Daniele Piacentini - Psichiatra, psicoterapeuta. Responsabile dellAmbulatorio Psicosociale di Zogno (BG)- A.S.S.T. di Bergamo Ovest.

Daniela Leveni - Psicologa, psicoterapeuta. Coordinatrice del Centro Trattamento Disturbi dAnsia (CETRADA) dellAzienda Ospedaliera di Treviglio (BG).

Paolo Michielin - Psicologo, psicoterapeuta. Responsabile U.O. Riabilitazione, Dipartimento di Salute Mentale, Azienda ULSS n. 9 di Treviso  - Professore di Psicologia clinica presso la Facoltà di Psicologia dell'Università di Padova.

Geoff McDonald - Psichiatra, psicoterapeuta. Lavora presso la Clinical Research Unit for Anxiety and Depression (CRUfAD), centro che collabora con LOrganizzazione Mondiale della Sanità e del St Vincents Hospital di Sydney e si occupa in particolare dei programmi di trattamento cognitivo comportamentale della depressione.

 

ALTRI TESTI

 Dryden W. Superare il senso di colpa. Bologna: Calderini, 1997

IDEA. La depressione; facciamocene unidea. Milano: Fondazione IDEA, 2000

Morselli PL. I disturbi dellumore. Milano: Fondazione IDEA, 2001

Morselli PL. La depressione nellanziano. Milano: Fondazione IDEA, 2002

Barlera Cristina, Inghilleri Diego - Combattere la depressione. Una malattia curabile e comune - Altroconsumo (2004)

 

DISTURBO DI PANICO E AGORAFOBIA:   

Andrews G. et al. Disturbo di Panico. Manuale per chi soffre del disturbo. Torino: Centro Scientifico Editore, 2004

Marks IM. Ansia e paure. Comprenderle , affrontarle e dominarle. Mc Graw Hill (2002).

Ellis A. Lautoterapia razionale emotiva. Trento: Edizioni Erickson

Greenberger D. e Padesky C. Penso dunque mi sento meglio. Trento: Edizioni Erickson (1998)

Meichenbaum D. Al termine dello stress. Trento:Edizioni Erickson

Spagnulo P. e Falcone M. Ansia e Attacchi di Panico.  Salerno: Editore Ecomind (2001)

Trickett S. E (solo) un attacco di panico. Bologna: Calderini (1995)

 

FOBIA SOCIALE  

Andrews G. et al. Fobia Sociale. Manuale per chi soffre del Disturbo. Torino: Centro Scientifico Editore, 2004

Marshal J. (2002) La Paura degli Altri. Editore TEA.

Edelman R. (2001) Rossori e Timidezze: come superare il problema. Editori Riuniti.

Greenberger D., Padesky C. (1998). Penso, dunque mi sento meglio. Edizioni Erickson.

Ellis A. Lautoterapia razionale emotiva. Edizioni Erickson

Dayhoff A.S. Come vincere lansia sociale. Edizioni Erickson

Marks IM. Ansia e paure. Comprenderle , affrontarle e dominarle. Mc Graw Hill (2002).

 

DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO

Dorz S., Novara C. e Sanavio E. (1999). Il chiodo fisso. Come comprendere e sopravvivere alle ossessioni. Editore: Angeli.

Rapoport J.L. (1994) Il ragazzo che si lavava in continuazione ed altri disturbi ossessivi. Editore: Bollati Boringhieri.

Schwarz J.M. (1997) Il cervello bloccato. Come liberarsi del disturbo ossessivo compulsivo Editore: Longanesi.

Marks IM(2002). Ansia e Paure.Comprenderle, affrontarle e dominarle.  Editore: Mc Graw Hill.

 

DISTURBO DANSIA GENERALIZZATO
Andrews G. et al. Disturbo d'Ansia Generalizzato. Manuale per chi soffre del disturbo. Torino: Centro Scientifico Editore, 2004

 

ARGOMENTI GENERALI

P. Nathan, J. Gorman (1999). Treating mental disorders: a guide to what works. Oxford University Press.  

Dyer WW. Le vostre zone erronee. Milano: Rizzoli, 1977

Greenberger D. e Padesky C. Penso dunque mi sento meglio. Trento: Edizioni Erickson, 1998

Lazarus A, Lazarus CL, Fay A. La vita è già difficile, perchè complicarsela? Verona: Positive Press, 1993

Ellis A. L'autoterapia razionale emotiva. Trento: Edizioni Erickson, 1998

 

 

Copyright © 2006 Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Bergamo Ovest. - C.F. e P.IVA 04114450168
XHTML 1.0WAI-AA