Salta la navigazione
Azienda Ospedaliera Treviglio

Comunicati stampa

Comunicati stampa RSS

Firmato il Protocollo di Intesa per la gestione dei casi giudiziari di minori 
Data di pubblicazione: 07/07/2016

Oggi 7 luglio 2016 alle ore 11.00, presso il Tribunale Ordinario di Bergamo (via Borfuro), erano presenti:

·  Ezio Siniscalchi, Presidente del Tribunale Ordinario di Bergamo
·  Ermanno Baldassarre, Presidente Ordine degli Avvocati di Bergamo
·  Maria Cristina Ghilardi, Referente Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i minori (AIAF) - Sezione di Bergamo
·  Barbara Carsana, vice Presidente Associazione Provinciale Forense (APF) - Sezione Famiglia di Bergamo
·  Marco Amorese, Presidente Camera Civile di Bergamo
·  Maria Carolina Marchesi, Presidente Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci
·  Mara Azzi, Direttore Generale Agenzia di Tutela della Salute (ATS) di Bergamo
·  Carlo Nicora, Direttore Generale Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST)  Papa Giovanni XXIII
·  Elisabetta Fabbrini, Direttore Generale Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST)  Bergamo Ovest
·  Francesco Locati, Direttore Generale Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST)  Bergamo Est

per la presentazione e la sottoscrizione  di un Protocollo di Intesa per la gestione dei casi, in carico al Tribunale Ordinario, nei cui giudizi siano coinvolti dei minori, al fine di garantirne la tutela.

Il Protocollo è il risultato di più anni di lavoro, al quale hanno attivamente contribuito i Servizi per i Minori e la Famiglia, il Tribunale Ordinario, l’Avvocatura e altri Enti Pubblici ed Associazioni che si occupano di famiglia e minori, tutti soggetti che a diverso titolo si misurano con il conflitto familiare.

Ai Servizi che si prendono cura dei Minori e della Famiglia non compete soltanto un’azione riparatoria, ma anche una funzione di prevenzione e di promozione, per sviluppare condizioni sociali che consentano lo sviluppo armonico dell’identità personale e sociale del soggetto in età evolutiva. Per questo, dato il crescente numero di separazioni, divorzi e controversie tra genitori non uniti in matrimonio, al fine di evitare dispersioni e ritardi in processi che riguardano soggetti fragili, i sottoscrittori del Protocollo hanno individuato prassi e strumenti comuni per garantire un rapido ed efficace raccordo tra tutti i soggetti istituzionalmente coinvolti, così da facilitare decisioni sollecite ed idonee a ridurre il disagio dei minori.

I firmatari si impegnano a favorire l’attuazione del Protocollo e, a renderlo operativo, entro e non oltre due mesi dalla data dell’odierna sottoscrizione.

Implementato il servizio di nutrizione artificiale domiciliare 
Data di pubblicazione: 07/07/2016

Novità per i pazienti sottoposti a nutrizione artificiale. L’ASST Bergamo Ovest, in collaborazione con i Direttori e Coordinatori delle aree distrettuali di competenza, dopo aver attentamente valutato i fabbisogni del territorio, ha implementato il Servizio di Assistenza Domiciliare per la Nutrizione Artificiale che coprirà le aree distrettuali di Treviglio, Romano, Dalmine e l’Isola bergamasca.
 
In un’ottica di sempre maggior integrazione ospedale – territorio e di allargamento dei servizi erogati dall’ASST, ora i nostri cittadini potranno ricevere la necessaria assistenza per la terapia alimentare sostitutiva direttamente a casa propria.
 
Si tratta di un problema che interessa decine di famiglie nel territorio della nostra Azienda Socio Sanitaria Territoriale che, con la nuova riforma, conta ben 76 paesi in bergamasca.
 
Il medico nutrizionista individuato come coordinatore del servizio è il dott. Pier Franco della Mussia, afferente al Reparto di Medicina Generale di Treviglio.
 
Il target di utenti è rappresentato principalmente da pazienti in ADI (Assistenza domiciliare integrata), Pazienti in RSA -RSD (Residenza sanitaria assistenziale o per disabili) e Pazienti non trasportabili(non in ADI).
 
La Nutrizione artificiale domiciliare (NAD), Parentelare (NPD) o Enterale (NED) che sia, rappresenta un presidio vitale per le persone che momentaneamente o permanentemente non sono in grado di assumere alimenti per via naturale.
 
Esprimo viva soddisfazione per l’implementazione del servizio – afferma il direttore generale, dr.ssa Elisabetta Fabbrini -. L’importante risultato è frutto del lavoro di squadra di professionisti diversi, di realtà anche geograficamente lontane, che si sono messi in gioco e hanno condiviso le proprie competenze al servizio dei nostri pazienti e cittadini. Desidero perciò ringraziare personalmente la dr.ssa Barbara Mangiacavalli, Dir. Socio Sanitario, i Direttori degli Ambiti Distrettuali, Dott. Fausto Alborghetti, Claudio Rozzoni e Enrico Tinelli, il Dott. Maurizio Destro (Dir. Dipartimento Area Medica), il dr. Pier Franco Della Mussia (medico specialista nutrizionista) e la dr.ssa Nadia Zaniboni (Dir. Specialistica ambulatoriale).
 
Per accedere al servizio, il Medico di Assistenza Primaria (il medico di base) o il medico della RSA/RSD dovrà chiedere al CeAD distrettuali (Centro Assistenza Domiciliare) la valutazione al domicilio (o nella struttura di ricovero) del paziente. Nel corso di tale visita lo specialista nutrizionista, oltre alla valutazione nutrizionale e rilascio del Piano Nutrizionale, potrà effettuare, se necessario, il posizionamento o sostituzione del sondino naso gastrico o la sostituzione della PEG.
 
Il rinnovo, invece, del piano nutrizionale, di pazienti clinicamente stabili, potrà essere richiesto direttamente dai familiari del paziente presso i nuovi ambulatori, appositamente istituiti, nei Distretti di Dalmine e Ponte San Pietro o presso i poliambulatori ospedalieri di Treviglio e Romano, in giorni dedicati presentando allo specialista nutrizionista la documentazione del paziente.
 
Seguiranno informazioni più dettagliati inerenti i percorsi da seguire e gli orari degli ambulatori.

Pagati gli arretrati ai dipendenti della ditta di pulizia e di sanificazione esterna 
Data di pubblicazione: 07/07/2016

Si comunica che nel mese di luglio, grazie ad un’azione coordinata con i sindacati territoriali FISASCAT CISL, UILTRASPORTI e FILCSMS CGIL, l’ASST Bergamo Ovest ha provveduto a pagare gli stipendi dei dipendenti della ditta di pulizia e sanificazione che vedranno finalmente in banca, sul proprio conto corrente, gli arretrati dei mesi di marzo e aprile, somme in corso di definizione da una precedente gestione del servizio esternalizzato, poi passata ad altra ditta.
Con nota del 21 giugno u.s. è pervenuto, infatti, da parte della ditta precedente, l’elenco delle retribuzioni non ancora corrisposte, con specificazione dei dipendenti e delle relative coordinate bancarie; di conseguenza, ai sensi dell’art. 30, commi 5 e 6 del D.Lgs. n. 50/2016, l’ ASST Bergamo Ovest ha attivato il cosiddetto “intervento sostitutivo” pagando direttamente i lavoratori e detraendo quanto ancora dovuto alla ditta uscente per fatture arretrate, momentaneamente cristallizzate sino ad avvenuto pagamento delle retribuzioni.

 

Come Direttore Generale di questa azienda – afferma la dr.ssa Elisabetta Fabbrini - ringrazio tutti gli operatori che hanno contribuito a chiudere questa vertenza, fatto che riveste un’importanza fondamentale in un contesto economico e territoriale di difficoltà e di problematiche, anche sociali.
 
Auguro ai lavoratori della ditta di pulizia e sanificazione la continuazione di un buon lavoro, rassicurando che la risoluzione delle problematiche sanitarie e socio sanitarie, in questo caso anche socio economiche, rientra nella nostra stessa mission aziendale e rientra tra i punti di attenzione in un contesto più generale di presa in carico.”

Il neo Assessore Regionale al Welfare Giulio Gallera in visita all’ASST Bergamo Ovest 
Data di pubblicazione: 02/07/2016

 

IL NEO ASSESSORE REGIONALE AL WELFARE GIULIO GALLERA IN VISITA ALL’ASST BERGAMO OVEST


Prima tappa dell’ampio giro che il nuovo assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, ha organizzato nelle strutture della Regione è la neo costituita ASST Bergamo Ovest, che dal 1° gennaio 2016 è condotta dal Direttore Generale, dott.ssa Elisabetta Fabbrini.

Questa visita dimostra e conferma il ruolo strategico di questa azienda pubblica sanitaria e socio sanitaria nel contesto della provincia bergamasca, un territorio ricco di punti d’offerta e di iniziative, atti a garantire ai pazienti e ai cittadini risposte di qualità ed appropriatezza ai bisogni di salute.

Da quest’anno il territorio provinciale vede il decollo di importanti novità ed interventi, tra i quali emergono sia l’attuazione della riforma sanitaria, sia la contemporanea ristrutturazione della rete di infrastrutture e mobilità.

L’incontro avverrà domani, giovedì 30 giugno alle ore 11.00 presso la Sala Verde Sala Convegni dell’Ospedale di Treviglio.
 

Da settembre a Curno un punto prelievi 
Data di pubblicazione: 29/06/2016

L’ASST convertirà l’attuale sportello Scelta/Revoca in un Punto Prelievi

 

Da settembre a Curno un punto prelievi

L’ASST convertirà l’attuale sportello Scelta/Revoca in un Punto Prelievi

Nell’ottica di continuo ampliamento dei servizi erogati ai comuni facenti parte l’ASST Bergamo Ovest, il Direttore Generale, Elisabetta Fabbrini, di concerto con il Sindaco Perlita Serra, sono liete di comunicare alla cittadinanza di Curno che dal prossimo mese di settembre sarà attivato un Punto Prelievi.

Al fine di permettere l'attuazione della progettualità relativa alla riorganizzazione delle attività dello sportello di Curno, sito in via IV Novembre 25, dal 1° luglio 2016 per il Servizio di “Scelta e Revoca del Medico/Pediatra di famiglia” i cittadini potranno rivolgersi agli altri sportelli dell’ASST Bergamo Ovest ubicati a:

- DALMINE - V.le Betelli, 2 - Tel. 035/378111
Orari di apertura: da lunedì a giovedì 8.15 - 12.30 e 13.45 - 15.30 - venerdì 8.15 - 12.30

- PONTE SAN PIETRO - Via Caironi, 7 - Tel. 035/603319
Orari di apertura: lunedì, mercoledì, giovedì 8.15 - 12.15 e 13.30 - 15.30 - martedì, venerdì 8.15 - 12.15

- OSIO SOTTO - Via Cavour 6/A - Tel. 035/4195235
Orari di apertura: lunedì, mercoledì, venerdì 8.15 - 12.30 - martedì, giovedì 8.15 - 12.30 e 13.45 - 15.30

- ZANICA - Via Serio, 1/A - Tel. 035/4245511
Orari di apertura: lunedì, mercoledì, venerdì 8.15 - 12.30 - martedì, giovedì 8.15 - 12.30 e 13.45 - 15.30

I residenti di Curno con più di 70 anni e/o con problemi di disabilità potranno rivolgersi all’ufficio Servizi Sociali del Comune per essere aiutati nelle procedure di scelta e revoca del medico di famiglia (per informazioni: 035/603040).

 

Il Direttore Generale                                                             Il Sindaco di Curno
ASST Bergamo Ovest                                                                  Perlita Serra
Elisabetta Fabbrini


 

La ASST Bergamo Ovest parte dal Pronto Soccorso 
Data di pubblicazione: 01/06/2016

 
Pronto soccorso “in rete” per gli ospedali di Treviglio e Romano che avranno un unico primario, Gianluca Geroni, responsabile finora del pronto soccorso di Romano di Lombardia. Obiettivo è ampliare i servizi, ottimizzando gli interventi nell’area di azione delle due strutture e rendere migliori anche le performance economiche delle due realtà.
 
E restyling per la rete del 118, secondo le nuove indicazioni della riforma lombarda. Stefano Brambilla, finora responsabile del pronto soccorso dell’Ospedale di Treviglio, proporrà alla direzione generale dell’Asst Bergamo Ovest le soluzioni migliori per dare la massima efficacia ed efficienza alla rete di emergenza di pronto intervento sul territorio.
 
Si realizza così un altro tassello dell’ottimizzazione aziendale voluta dal direttore generale Elisabetta Fabbrini. “L’aumento della complessità organizzativa e gestionale delle strutture per le nuove e più vaste esigenze dettate dalla riforma lombarda e la necessità di un coordinamento strettissimo dell’emergenza-urgenza tra ospedale e territorio e, tra questi, con l’organizzazione del pronto intervento – spiega Fabbrini - hanno reso necessaria non tanto una razionalizzazione, quanto una vera e propria ottimizzazione dei servizi. I prossimi sviluppi dell’assistenza sul territorio, l’aumento della domanda e la necessità di ridurre gli accessi impropri al pronto soccorso per rendere ottimali le prestazioni extra e intra ospedaliere, hanno aperto la strada a una diversa visione gestionale-organizzativa, resa possibile anche dalla capacità e dall’impegno di tutto il personale coinvolto nell’emergenza-urgenza”.
 
Informazioni più rapide sui tempi di attesa e sulle disponibilità, procedure uniformi e quindi ottimali rispetto sia all’organizzazione che all’intervento clinico, raccordo stretto dei pronto soccorso con il 118 e tra questi e il territorio puntando a rendere ottimali i servizi dell’Asst Bergamo Ovest: l’intervento messo in atto dalla direzione aziendale è un ulteriore passo verso questo obiettivo.
 
Il pronto soccorso – afferma Fabbrini - deve essere la “porta” migliore per l’ospedale, quando sul territorio si sono messi in atto interventi appropriati e la struttura del 118 ha mostrato la massima efficienza e immediatezza di azione. Questa organizzazione rappresenta lo specchio dell’efficienza e dell’efficacia delle strutture e del tessuto organizzativo della nostra sanità. E deve servire anche – conclude - a creare un clima di fiducia e sicurezza nei cittadini e di professionalità e attenzione negli operatori sanitari”.
 

Oggi primo giorno per richiedere il Bonus Famiglia 
Data di pubblicazione: 01/06/2016

Oggi primo giorno per richiedere il Bonus Famiglia
 
 
Nell'ambito del programma regionale del nuovo reddito lombardo di autonomia , è prevista la misura "Bonus Famiglia" per sostenere le famiglie che si trovano in condizione di vulnerabilità socioeconomica.
 
Tale condizione deve essere certificata dal servizio sociale comunale di residenza o da un CAV (Centro aiuto alla vita).
 
Sono destinatarie della misura le famiglie con presenza di donne gravide e famiglie adottive con i seguenti requisiti:
 
- residenza in Regione Lombardia di entrambi i genitori, di cui almeno uno residente da cinque anni consecutivi;
 
- indicatore Isee di riferimento uguale o inferiore a Euro 20.000
 
MODALITà DI PRESENTAZIONE DOMANDA (DAL 1 GIUGNO 2016 ORE 10)
 
Il cittadino presenta direttamente la domanda on line su specifica piattaforma regionale web (www.siage.regione.lombardia.it), nella domanda il cittadino:
 
-        indica il consultorio familiare al quale vuole accedere;
 
-        la data di avvenuto colloquio o dell’appuntamento con il servizio sociale comunale
 
All'atto della domanda dovrà essere allegato un certificato medico riportante la data presunta del parto con data non antecedente a 30 giorni. Mentre le famiglie adottive devono presentare la sentenza di adozione del minore/decreto di collocamento del minore non antecedente al 1° maggio 2016.
 
All'accettazione della domanda da parte dell'ATS, verrà inviata una mail a seguito della quale la famiglia richiedente si recherà presso un consultorio accreditato, indicato dal/dalla richiedente in fase di presentazione della domanda, per la redazione di un progetto personalizzato.
 
Il valore economico del contributo è pari a 150 € mensili, da sei mesi prima della nascita ai sei mesi successivi e comunque a partire dalla data di presentazione della domanda (fino a un massimo di 1800 euro). Per le famiglie adottive 150 euro al mese dall'ingresso del figlio in famiglia (Massimo 900 euro).
 

I Consultori afferenti all’ASST Bergamo Ovest sono:
- Consultorio familiare di Ponte S. Pietro - Via Caironi, 7 - tel. 035/603252
- Consultorio familiare di Dalmine- Viale Betelli, 2 - tel. 035/378120-140
- Consultorio familiare di Romano di Lombardia - Via Cavagnari, 5 – Tel. 0363/919244
- Consultorio familiare di Treviglio- Via Rossini, 1 - tel. 0363/590948

e i Consultori privati afferenti al nostro territorio:
- Consultorio Familiare “Mons. Roberto Amadei” di Calusco
- Centro per la famiglia - Treviglio e Punto Famiglia Caravaggio
- Consultorio Familiare SANDONATO - Osio Sotto
- Consultorio Familiare Manidiscorta - Treviolo
 
 

<<Inizio | <Precedente | Successivo> | Fine>>

Copyright © 2006 Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Bergamo Ovest. - C.F. e P.IVA 04114450168
XHTML 1.0WAI-AA