Salta la navigazione
ASST Bergamo Ovest

Comunicati stampa

Bg Ovest: nuovo laboratorio analisi e lavori in corso per il PS

Data di pubblicazione: 08/05/2018

Il cantiere durerà un anno e i nuovi spazi saranno più confortevoli e gli ambulatori specialistici dentro il Pronto Soccorso ridurranno i tempi dell’assistenza. Taglio del nastro per il laboratorio, con apparecchiature nuove e più efficienti.

Un nuovo laboratorio analisi e l’avvio dei lavori al Pronto Soccorso: sono queste le novità più rilevanti per l’ospedale di Treviglio-Caravaggio presentate oggi all’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera e ai sindaci del territorio.

Oltre due milioni e mezzo di Euro da parte di Regione Lombardia ci consentiranno di attuare i lavori previsti – ha spiegato il direttore generale, Elisabetta Fabbrini -: l’adeguamento e l’ampliamento del Pronto Soccorso, la realizzazione del nuovo Punto prelievi, vicino all’attuale laboratorio, il nuovo data center e disaster ricovery e la realizzazione del circuito secondario con liquido refrigerato”.

I lavori di adeguamento e di ampliamento del Pronto Soccorso – ha sottolineato la dottoressa Fabbrinidureranno circa un anno, e una volta chiuso il cantiere, i vantaggi per gli utenti saranno molti”.

Grazie a uno stanziamento di Regione Lombardia di oltre 2,6 milioni di euro – ricorda l’Assessore Giulio Gallera - l’ospedale di Treviglio da oggi può contare su un laboratorio analisi all’avanguardia (in Lombardia ne esistono solo altri 5) e tra meno di un anno godrà di un Pronto Soccorso più efficiente e adatto a rispondere al meglio alle esigenze del territorio”.

RUOLO STRATEGICO PER IL TERRITORIO

“La forza della sanità lombarda - ha sottolineato ancora l’assessore - è proprio questa: garantire una qualità altissima in tutto il territorio regionale, non solo negli ospedali delle grandi città. Le eccellenze presenti a Treviglio e gli investimenti fatti su questa realtà, confermano ancora una volta che Regione crede nel ruolo strategico che la Bergamo Ovest riveste per tutta la Bassa Bergamasca”.

LE NOVITA’ PER IL PRONTO SOCCORSO

L’area del triage, termine tecnico per l’accettazione al Pronto Soccorso, e la zona d’attesa saranno più ampie e con una struttura tale da consentire una maggiore privacy, oggi carente per il numero di persone – 50 mila ogni anno - rispetto agli spazi disponibili. Inoltre, verranno realizzati ambulatori specialistici che consentiranno di svolgere la maggior parte delle procedure senza dover trasferire il paziente in altri reparti, con risparmio di tempo e minori disagi.

In futuro, grazie a un altro lotto di lavori in fase di aggiudicazione, nei locali del PS sarà installata anche una Tac dedicata.

PIU’ SICUREZZA INFORMATICA

I lavori ammontano a poco più di 2 milioni di Euro e comprendono la sistemazione dell’impianto di raffrescamento, con maggiore comfort e qualità dell’aria, e la realizzazione di un Data Center Disaster Recovery, cioè di server in grado di garantire collegamenti più rapidi fra il sistema aziendale e quello regionale, ma anche di proteggere più efficacemente i dati in caso di eventi imprevedibili, come guasti o attacchi informatici.

UN LABORATORIO ANALISI  ALL’AVANGUARDIA

Già attivo, e inaugurato oggi con la benedizione e il taglio del nastro, il nuovo Laboratorio Analisi, con l’affidamento in service per i prossimi quattro anni della fornitura e della manutenzione delle apparecchiature, dei materiali di consumo, reagenti, e tutto ciò che serve all’attività della struttura.

Le nuove apparecchiature che costituiscono la “linea” di processo offrono una migliore qualità del dato e più sicurezza per gli operatori del laboratorio. Inoltre, la gara comprendeva la ristrutturazione dei locali ed è stato realizzato un open space più funzionale, nel quale è stata collocata la linea di automazione, di ultima generazione, in grado di processare i campioni di sangue dalla fase di check-in fino a quella di check-out, rispettando tutte le regole dettate dalla buona pratica di Laboratorio, garantendo la sicurezza dei risultati e, al contempo, la rapidità di refertazione degli stessi.

Per la salute e la sicurezza degli operatori sono stati installati pannelli fono assorbenti e corpi illuminanti anti accecamento a LED ed è stata creata un’area riservata alla validazione dei risultati, isolata e insonorizzata.

Ogni anno il Laboratorio esegue con queste apparecchiature 130 diverse metodiche, dai parametri biochimici di funzionalità d’organo a quelli ormonali, tumorali, cardiaci, dosaggi di vitamine, di farmaci ecc. Il laboratorio funziona 24 ore su 24 per garantire le emergenze e ogni anno registra 408 mila accessi, per oltre 2,9 milioni di esami, un terzo a favore dei pazienti ricoverati e due terzi per gli utenti esterni, compreso un 22% eseguito per i due Pronto Soccorso di Treviglio e Romano di Lombardia. Un’attività che si traduce in un fatturato annuo di oltre 12 milioni di Euro. I costi per l’affidamento quadriennale, coperti con risorse di bilancio, ammontano 3.520.599,04 (Iva esclusa).

I lavori al Pronto Soccorso, che ampliandosi occuperà l’attuale area del Centro Prelievi, porteranno a ricreare quest’ultimo proprio di fronte al Laboratorio, al piano -1, il livello dell’ingresso principale e della strada, migliorando l’accesso per anziani e disabili.

Il Centro avrà aree di accettazione ed attesa separate, con due ambulatori e 6 box prelievi, per una maggiore privacy degli utenti. La vicinanza al Laboratorio Analisi consentirà anche un netto miglioramento della logistica per i lavoratori.

Erano presenti il Direttore Generale dell’ATS, Mara Azzi, i consiglieri regionali Paolo Franco e Giovanni Malanchini, i Sindaci di Treviglio (Juri Imeri), Caravaggio (Claudio Bolandrini) e Lurano (Dimitri Bugini).

La visita dell'assessore Giulio Gallera è cominciata con il saluto a Dodd Michael Howard e alla moglie Sue, australiani di Brisbane, venuti a ringraziare la Neurologia dell'Ospedale di Treviglio-Caravaggio.

Un anno e mezzo fa, infatti, Dodd fu trasportato a Treviglio praticamente paralizzato dopo un malore in treno. I medici della Neurologia hanno subito individuato che si trattava della Sindrome di Guillain - Barré, una patologia rara potenzialmente letale, riuscendo a evitare che la situazione precipitasse.

 

Il taglio del nastro al Laboratorio Analisi

 

 

Copyright © 2006 Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Bergamo Ovest. - C.F. e P.IVA 04114450168
XHTML 1.0WAI-AA