Salta la navigazione

La Direzione Sanitaria

Il Dir. Sanitario: Dr. Santino Silva

 

 

 

 
 
 
Tel. Segreteria: 0363/424008
Fax: 0363/424561
Email:
direzione_sanitaria@asst-bgovest.it
 

 

La portata dell’evoluzione del Sistema Socio Sanitario introdotto dalla L.R. 23/2015 è sicuramente superiore a quello che si è potuto apprezzare finora perché con questa norma viene superata di fatto la fase di “aziendalizzazione” introdotta dal DLgs 502/92 e s.m.i. in quanto mentre il decreto legislativo del 1992 richiedeva un’Azienda Sanitaria orientata all’efficientamento tecnico – organizzativo dei servizi, la legge regionale sviluppa l’efficienza rispetto a “obiettivi di salute” a cui l’erogazione dei servizi sanitari può concorrere solo parzialmente.

 

Nella cornice della L.R. 23/2015 si rende quindi necessaria una ridefinizione una rielaborazione evolutiva del ruolo del Direttore Sanitario (DS) : un Direttore Sanitario ed una Direzione Sanitaria “2.0”.

Storicamente il DS ha avuto nel proprio bagaglio formativo ed esperienziale una prevalente componente di tipo burocratico che aveva come punti di riferimento ed obiettivi l’efficienza, la precisione, la giustizia amministrativa e che tutelava stabilità, continuità, certezza del diritto, conservazione dei valori attraverso procedure e certezze.

L’aziendalizzazione ha determinato una prima evoluzione del DS che ha rifondato la propria ragione di essere sul saper fare / saper essere, sul know-how: il DS è diventato una sorta di super tecnocrate con la tendenza ad essere uno stereotipo. Oggi viene richiesto ad un “DS 2.0” di saper indicare strade nuove, di rendere facili e percorribili le soluzioni tecniche, di essere in grado di gestire il rischio ed il conflitto in modo positivo gestendo le situazioni difficili, di comunicare e mettere in comune una progettualità, le proprie idee.

 

In sostanza è ancora un super-tecnico ma che riconosce che cosa serve, che suggerisce e non si limita a dirigere o risolvere problemi in modo efficiente come manager e che condivide il valore di questi principi:

- migliorare la salute è un investimento per la società,

- è necessario agire sui determinanti della salute,

- è indispensabile un riorientamento dei servizi sanitari e non solo,

- gli investimenti devono essere misurati in termini di guadagno in salute,

- si deve tendere a ridurre le disuguaglianze.

 

Formalmente il Direttore Sanitario è il referente istituzionale del Direttore Generale per quanto attiene l’elaborazione della politica sanitaria aziendale, sulla base degli obiettivi generali e specifici di mandato attribuiti al Legale rappresentante, avuto riferimento alle indicazioni programmatorie del Piano Socio Sanitario Regionale e partecipa insieme al Direttore Amministrativo ed al Direttore Socio Sanitario al processo di pianificazione strategica concorrendo, con la formulazione di proposte e pareri, al governo aziendale.

 

Fornisce supporto tecnico al Direttore Generale nella fase di negoziazione del budget di struttura per attività di ricovero e cura e di quello per attività specialistica ambulatoriale; è garante dell’adozione degli interventi di verifica, demandati al produttore di servizi, circa l’appropriatezza delle prestazioni erogate ed il rispetto delle obbligazioni assunte in tema di razionalizzazione, controllo e contenimento della spesa sanitaria.

 

A tale proposito impartisce le necessarie indicazioni operative alla Direzione Medica dei Presidi, ospedalieri ed ambulatoriali, aziendali.

 

Concorre, unitamente al Direttore Amministrativo Aziendale ed al Direttore Socio Sanitario, a definire l’entità delle risorse economiche disponibili per l’acquisizione di risorse umane e strumentali finalizzate alla produzione di prestazioni sanitarie, nel rispetto degli obiettivi economici assegnati al Direttore Generale.

 

Espleta funzioni di direzione tecnico-organizzativa ed igienico-sanitaria dell’attività aziendale, esprime parere obbligatorio sui provvedimenti del Direttore Generale, secondo quanto previsto dalla normativa. E’ componente istituzionale del Collegio di Direzione e presiede il Consiglio dei Sanitari.

 

Il Direttore Sanitario presiede ai Dipartimenti del polo ospedaliero ed è responsabile delle funzioni igienistico / organizzative delle unità di offerta ospedaliere e territoriali.

 

In particolare:

- dirige, a livello strategico, i servizi sanitari ai fini tecnico-organizzativi ed igienico-sanitari e fornisce parere obbligatorio al Direttore Generale sugli atti relativi alle materie di competenza devolutegli dall’ordinamento, identificando ai fini programmatori la domanda di assistenza sanitaria;

- svolge attività di indirizzo, coordinamento, supporto, verifica nei confronti dei responsabili dei servizi sanitari e promuove l’integrazione dei servizi stessi;

- definisce le strategie e gli indirizzi per l’adozione di provvedimenti anche straordinari, contingibili e/o urgenti;

- esprime pareri sulle progettazioni edilizie dell’Azienda in merito agli aspetti igienicosanitari e funzionali;

- è responsabile dell’attività di farmacovigilanza;

- contribuisce alla definizione dei rapporti e dei relativi accordi di natura convenzionale con l’Università;

- organizza le attività di controllo interno inerenti le attività sanitarie.

 

Il Direttore Sanitario, in caso di assenza o impedimento, è sostituito da altro Dirigente di Struttura Complessa designato.

 

L'ORGANIGRAMMA
UOC Direzione medica dei Presidi
UOS Epidemiologia Clinica
UOS Medicina Legale
UOC Servizio Farmaceutico
UOC Controllo e produzione sanitaria
UOS specialistica ambulatoriale e territoriale
UOC Prevention Process Owner
UOS Igiene e medicina preventiva
UOS Servizio di dietologia e nutrizione
 
 

 

 

 
 
 

Copyright © 2006 Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Bergamo Ovest. - C.F. e P.IVA 04114450168
XHTML 1.0WAI-AA